Questo sito utilizza i cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Politica sui cookie. Se per te va bene, continua a navigare. x
Accesso richiesto
Attenzione

Per accedere a quest’area è necessario effettuare la login al portale dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia.

Buona navigazione.

Offerta formativa dell’ordine

In quest’area sono presenti tutti gli eventi formativi a cui gli ingegneri possono partecipare.
Utilizza i filtri per trovare facilmente i corsi di tuo interesse.

25

Marzo

10:30 - 12:30 

2 crediti
2 ore

seminario

Centro Fiera di Brescia - via Caprera, 5 Iscrizioni: 14 Mar 2017 - 23 Mar 2017
Prevenzione antisismica e opportunità per il rilancio del comparto edile
TAVOLA ROTONDA
Bortolo Agliardi (pres. Associazione Artigiani),
Angelo Massimo Deldossi (presidente della Scuola Edile),
Prof Marco Preti (docente a Ingegneria)
Ing. Marco Rossi (commissione strutture dell'Ordine)
+ leggi tutto

25

Marzo

11:30 - 13:30 

2 crediti
2 ore

seminario

Centro Fiera di Brescia - via Caprera, 5 Iscrizioni: 13 Mar 2017 - 23 Mar 2017
Sviluppo sostenibile del territorio e del mercato immobiliare
- Saluto di benvenuto – apertura lavori Dr.ssa Giovanna Prandini – Presidente Pro Brixia
- Azioni congiunte per lo sviluppo del territorio Arch. Ettore Monaco - Associazione Comuni Bresciani
- Fiscalità Immobiliare ed incentivazione – proposte a livello locale e nazionale Rag. Enrico Massardi – ANCE Brescia Collegio dei Costruttori Edili di Brescia e provincia - Semplificazione Burocratica Geom. Giuseppe Zipponi – Collegio Geometri di Brescia
- Pianificazione Territoriale Arch. Stefania Buila – Ordine degli Architetti di Brescia
- Sostenibilità dei Diritti Edificatori Pian. Alessio Loda – Ordine degli Architetti di Brescia Sig. Giuliano Marini – Borsa immobiliare di Brescia
- Osservatorio del mercato immobiliare – L'indagine sull'invenduto come punto di partenza per la pianificazione futura. Geom. Dario Piotti – Collegio dei Geometri di Brescia
- Finanza immobiliare - progetti per l'invenduto, rating immobiliare e riqualificazione Ing. Ippolita Chiarolini - Ordine degli Ingegneri di Brescia Funzionario UBI Banca
- Conclusioni
+ leggi tutto

27

Marzo

09:00 - 13:00 

8 crediti
8 ore

corso

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 14 Feb 2017 - 27 Mar 2017
La definizione delle funzioni di sicurezza (EN 13849-1/EN62061) ed il ruolo dell'Organismo Notificato
Corso valido per l’aggiornamento ASPP/RSPP

PRESENTAZIONE
L’introduzione della logica programmabile nelle applicazioni di sicurezza ha imposto una revisione nelle metodologie di valutazione dei sistemi e l’abbandono di concetti deterministici (propri della EN 954-1) a favore di approcci probabilistici secondo le nuove normative IEC 62061 e EN 13849-1. Il presente corso si propone di affrontare in maniera più particolareggiata le strategie di valutazione dei sistemi di comando propri della EN 13849-1

PROGRAMMA

Ore 08.30 Registrazione dei partecipanti, presentazione e saluti
Ore 09.00 – 13.00 Sessione mattutina
Ore 13.00 – 14.00 Pausa
Ore 14.00 – 18.00 Sessione pomeridiana
+ leggi tutto

27

Marzo

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

seminario

Aula magna di Ingegneria, via Branze 38 Iscrizioni: 08 Mar 2017 - 24 Mar 2017
COSTRUIRE SUL COSTRUITO - Riqualificare il centro storico: miglioramento sismico e rispetto dell’edificato
14.00 Iscrizioni
PROGRAMMA
14.20 Saluti istituzionali dei Presidenti degli Ordini professionali
14.30 Introduzione
Renato Brignani – Ordine degli Ingegneri di Brescia, CePSU
Relazione
Scira Menoni – Politecnico di Milano
Tavola Rotonda
Giuseppe Stolfi – Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici
Maurizio Tira – Università degli Studi di Brescia, CeNSU
Ezio Giuriani – Università degli Studi di Brescia
Marco Rossi – Ordine degli Ingegneri di Brescia
Lucio Serino – Commissione Beni Culturali e Paesaggistici OAPPC di Brescia
Pietro Vavassori – Comune di Iseo
Dibattito/Conclusioni
18.30 Fine dei lavori
+ leggi tutto

29

Marzo

14:30 - 18:30 

8 crediti
8 ore

corso

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 06 Feb 2017 - 28 Mar 2017
La proprietà industriale: i brevetti
INTRODUZIONE
Il Corso si colloca come seconda tappa del “Percorso formativo in Proprietà Industriale ed Intellettuale -anno 2017”, riproposizione del Corso già tenuto negli anni 2015 e 2016.
Obiettivo del Corso è quello di fornire all’Ingegnere una panoramica di base sulle tematiche brevettuali, per permettergli di conoscere e sfruttare a proprio favore gli strumenti forniti dalla legge in modo tale da "monetizzare" quanto più possibile il proprio lavoro. Nello specifico, è obiettivo del Corso quello di permettere all’Ingegnere di conoscere ed affrontare le problematiche legate alla tutela della propria Proprietà Industriale ed evitare di incorrere nel rischio di essere in interferenza con diritti altrui. In altre parole, si vogliono dare all’Ingegnere le conoscenze di base per permettergli una prima valutazione sulla brevettabilità di una sua “invenzione” nonché una prima valutazione relativamente alla portata di diritti altrui.
In questo modo, l’Ingegnere potrà scegliere se avere un vantaggio competitivo nei confronti dei propri competitor mantenendo una soluzione segreta in azienda o divulgandola sul mercato dopo averla tutelata mediante una domanda di brevetto. Allo stesso tempo, l'approfondimento di queste tematiche e di questi strumenti permette la anche corretta valutazione di un certo fattore di rischio, valutando o meno la necessità di eseguire specifiche attività di ricerca per individuare quali siano i diritti in capo, ad esempio, ad un ben preciso competitor per quanto riguarda uno specifico prodotto. In questo modo sarà quindi possibile sviluppare nuovi prodotti in modo tale da evitare di incorrere nel rischio di essere in contraffazione con diritti altrui. Il tutto verrà illustrato in funzione del ben preciso “timing” imposto per tali attività dalla legge ed in funzione dei requisiti di brevettabilità ai quali un’invenzione deve adempiere.
Sostanzialmente nel corso si risponderà, in primo luogo, alla domanda “Posso Brevettare?”, ossia, si illustrerà come il progettista o il titolare d’azienda può tutelare i propri prodotti ed ottenere così un monopolio ed, in secondo luogo, alla domanda “Posso Realizzare?”, ossia, si illustrerà come evitare di incorrere nel rischio di interferire con i diritti in capo ai terzi, al fine da orientare la R&D e il proprio lavoro di progettazione verso soluzioni non tutelate.
+ leggi tutto

31

Marzo

09:30 - 16:00 

4 crediti
4 ore

visita

Robbiano di Mediglia, Via Strada Provinciale 159 Iscrizioni: 21 Feb 2017 - 24 Mar 2017
Visita in azienda Mapei
PROGRAMMA DETTAGLIATO

Ore 09.30 Arrivo alla Mapei, registrazione partecipanti
Ore 09.30 – 11.30 Visita allo stabilimento di produzione (Robbiano di Mediglia, Via Strada Provinciale 159).
Spostamento per giungere all’Auditorium – presentazione aziendale
Ore 12.30 – 13.30 Pranzo
Ore 14.00 – 16.00 Visita presso i laboratori di Ricerca & Sviluppo (Via Cafiero 22)
Fine della visita pomeridiana, rientro a Brescia.

NOTE TECNICHE DELL’AZIENDA:
L'azienda nasce nel 1937 alla periferia di Milano per iniziativa di Rodolfo Squinzi, con soli tre dipendenti e produce intonaci e materiali per rivestimenti edili. In origine la denominazione dell'azienda è Materiali ausiliari per l'edilizia e l'industria, di cui l'attuale denominazione Mapei è l'acronimo.
Successivamente la società decide di orientarsi verso un mercato all'epoca ancora di nicchia, concentrandosi sulla produzione di adesivi per pavimenti e rivestimenti, in particolare per linoleum, ceramica, materiali lapidei, moquette, PVC e legno. Si tratta di un mercato ancora limitato, che tuttavia esplode negli anni sessanta assieme al grande successo che la ceramica italiana ottiene a livello internazionale. Nel frattempo alla gamma dei prodotti si aggiungono malte speciali, impermeabilizzanti e additivi per calcestruzzo.
A partire dal 1978 la società inizia un processo di internazionalizzazione sia commerciale che produttiva, aprendo un primo stabilimento in Canada, che prosegue anche negli anni successivi alla morte del fondatore (1984) sotto la guida del figlio Giorgio, sia con l'apertura di altri impianti produttivi sia con l'acquisizione di altre società.
Di particolare rilievo sono l'acquisizione della Vinavil, uno dei principali fornitori di Mapei, avvenuta nel 1994, e quella della Sopro, uno dei principali produttori tedeschi di prodotti chimici per l'edilizia, avvenuta nel 2002.
Altre acquisizioni successive portano il gruppo Mapei alle dimensioni attuali, con 47 diverse società che operano con 46 stabilimenti (7 in Italia) in 23 paesi diversi. È sponsor commerciale del Sassuolo Calcio.
+ leggi tutto

31

Marzo

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

seminario

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 10 Mar 2017 - 28 Mar 2017
Elementi di Topografia Esperienze di impiego dei Droni nella pratica professionale
INTRODUZIONE
Scopo del seminario è portare a conoscenza dei colleghi le potenzialità dell’utilizzo dei nuovi sistemi di rilievo topografico con l’utilizzo dei droni, con l’illustrazione di alcuni esempi applicativi in ambito professionale.
Le potenzialità di questo sistema di rilievo spaziano in vari campi ma presuppongono in ogni caso una conoscenza delle basi della topografia al fine di ottenere dei risultati che possano essere di impiego professionale.
I campi applicativi dell’utilizzo del “sistema drone” sono molteplici:
- Rilievi topografici e architettonici (telerilevamento, aerofotogrammetria, DTM, modellazione, ecc.)
- Indagini e ispezioni (rilievi specifici, termografia, stato delle strutture, ecc.)
- Monitoraggio ambientale (agricoltura di precisione, studi vegetazionali e faunistici, qualità dell’aria, ecc.)
- Riprese video e fotografia aerea
- Missioni di soccorso
Questa proposta formativa nasce “dal basso”. E’ pensata e predisposta “dai colleghi per i colleghi”. E’ impostata con un taglio pratico-operativo, rimandando a corsi specifici lo sviluppo e l’approfondimento della problematica specifica (regolamento ENAC, regolamentazione di settore, patentino obbligatorio piloti di SAPR, divieti di sorvolo, tipologie drone, software applicativi di gestione e restituzione ...)


PROGRAMMA
Ore 14.00 Registrazione dei partecipanti
Saluti istituzionali - Ing. Carlo Fusari referente per il Consiglio della Commissione Ingegneri Civili dell’Ordine di Brescia

Ore 14.30 Inizio lavori
Ore 18.30 Fine lavori
+ leggi tutto

04

Aprile

14:30 - 19:00 

4 crediti
4 ore

seminario

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 10 Mar 2017 - 01 Apr 2017
Trattamento acque reflue e di prima pioggia

PRESENTAZIONE
Ancora una volta le istituzioni di monitoraggio accreditate evidenziano il problema annesso alle gravi debolezze dei nostri sistemi fognari, aggravato dagli scarichi illegali e dall’inquinamento delle acque meteoriche e di dilavamento, provenienti dalle superfici stradali. Di contro, una maggiore sensibilità alle politiche ambientali fa crescere la necessità di modelli di sviluppo sostenibile.
In tal senso leggi e regolamenti nazionali ed europei, si evolvono e determinano nuove prospettive e sistemi per la difesa dell’ambiente. In questo contesto, il Seminario, propone come principale obiettivo una discussione sull’attuale normativa di riferimento, nazionale, e locale per la gestione delle acque di prima pioggia nonché la presentazione di alcuni sistemi innovativi di progettazione e realizzazione di impianti di depurazione acque reflue civili, trattamento delle acque di prima pioggia e nuovi sistemi di convogliamento.


PROGRAMMA
Ore 14.00 Registrazione dei partecipanti
Saluti istituzionali – Ing. Davide Broglia (Coordinatore Commissione Ambiente Ecologia dell’Ordine)

Ore 14.30 Inizio lavori
Introduzione alle tematiche – Paolo Benzi (Responsabile Ufficio Tecnico Rototec S.p.A.)
Trattamento dei reflui - Trattamento acque di prima pioggia

Impianti di trattamento dei reflui e delle acque di prima pioggia
Leggi e regolamenti Regione Lombardia
Sistemi innovativi nella progettazione realizzazione degli impianti

Ore 16.30 Coffe Break

Introduzione alle tematiche – Andrea Longhi (Responsabile Promozione System Group)
Innovazioni relative ai sistemi di convogliamento reflui
Vasche di accumulo con tecnologia sgk
Innovazioni in campo fognario
Innovazioni in campo acquedottistico

Ore 19.00 Fine Lavori
+ leggi tutto

05

Aprile

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

corso

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 17 Feb 2017 - 05 Apr 2017
AGGIORNAMENTO IN PREVENZIONE INCENDI Comprendere gli impianti di estinzione automatica: dalla scelta dell’estinguente al dimensionamento dell’impianto; un approccio operativo - MODULO III
Corsi di aggiornamento in materia di prevenzione incendi, di cui all’art. 7 del D.M. 5/08/2011, finalizzati al mantenimento dell’iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell’Interno ex D. Lgs. 139/2006.

SINTESI CONTENUTI: La scelta di un impianto automatico di estinzione, associata al livello di prestazione IV del capitolo S.6 delle Norme Tecniche di Prevenzione Incendi o, più in generale, definita come misura compensativa/mitigativa del rischio d’incendio, pone tuttavia il progettista di fronte ad una serie di quesiti basilari: quali criteri adottare per individuare il miglior agente estinguente in relazione all’efficacia della protezione e alla sicurezza degli occupanti? Quali valutazioni vanno considerate nell’analisi comparativa di più soluzioni impiantistiche alternative? Come approcciare l’impiego di normative pubblicate da organismi internazionali (es. NFPA), imprescindibili per talune applicazioni? E come redigere correttamente la specifica dell’impianto? Come effettuare una progettazione preliminare che consenta un dimensionamento di massima di tali impianti? Come valutare la conformità di un impianto di estinzione automatica?
La risposta a tali domande verrà affrontata attraverso un percorso formativo suddiviso in quattro moduli della durata di 4 ore ciascuno, che sia basato su un approccio operativo ed esemplificativo al fine di offrire ai partecipanti strumenti concreti per affrontare la selezione oculata degli impianti di estinzione automatica, in coerenza con le soluzioni tecnologiche offerte dal mercato e ai più recenti dettami normativi di prodotto e di sistema. Segue programma dettagliato.

Modulo 3: Dimensionare un impianto di estinzione automatica ad acqua: la progettazione e il calcolo dei sistemi
Programma: Il terzo modulo del corso è orientato sulla progettazione degli impianti sprinkler alla luce della normativa UNI EN 12845:2015, con un’attenzione alle seguenti tematiche:
- La classificazione delle attività e dei pericoli (hazard) d’incendio: metodologie e casi applicativi;
- I criteri essenziali di progettazione idraulica degli impianti sprinkler;
- Il caso specifico degli impianti a diluvio nell’ambito della norma CEN/TS 14816;
- I requisiti specifici degli impianti ad umido, secco e preazione;
- La scelta dei componenti dell’impianto e i requisiti certificativi fondamentali;
- Il calcolo idraulico degli impianti sprinkler: modalità ed esempi applicativi.
+ leggi tutto

06

Aprile

09:00 - 13:00 

8 crediti
8 ore

corso

Aula magna Istituto “Olivelli-Putelli” - via Ubertosa 1, Darfo Boario Terme Iscrizioni: 10 Mar 2017 - 06 Apr 2017
Corso base di termografia
PROGRAMMA
Richiami di teoria di termografia -Livelli operatori termografici
Verifica emissività oggetti - Trasparenza IR
Parametri ambientali – correlazione con emissività
IFOV – FOV – NETD
Cattura immagini termografiche – Fondamenti – Messa a fuoco
Strumentazione di supporto
Temperatura riflessa
Calcolo energia emessa
Corpo nero e grigio
Anomalie termiche da differente resistenza termica
Anomalie termiche da differente capacità termica
Anomalie termiche da attrito
Fenomeni di condensazione – evaporazione
Umidità interstiziale superficiale
Controllo connettori elettrici
Termografia attiva - passiva
Termografia qualitativa - quantitativa

Ore 8.45 Registrazione dei partecipanti
Saluti:
Ing. Mario Gallinelli – Presidente dell’Associazione Ingegneri Camuni
Presentazione:
Ing. Marco Baccanelli
Ore 9.00 Inizio corso
Ore 18.00 Fine corso
+ leggi tutto

06

Aprile

09:00 - 13:00 

4 crediti
4 ore

seminario

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 06 Mar 2017 - 06 Apr 2017
Utilizzo delle vibrazioni ambientali per la valutazione del danno e della vulnerabilità degli edifici esistenti
PROGRAMMA
Ore 08.30 Registrazione dei partecipanti

Ore 09.00 Inizio lavori

- Introduzione generale al problema
- Misura delle vibrazioni: tecniche di eccitazione
- Misura delle vibrazione: sensori e sistemi di misura
- Analisi delle Vibrazioni: aspetti generali
- Analisi Mode sperimentale
- Valutazione del danno: aspetti generali
- Problema diretto
- Problema inverso
- Esempi sperimentali
- Valutazione della vulnerabilità: aspetti generali
- L’indice di Operatività Strutturale e la metodologia SMAV
- Cenni sulla basi teoriche del modello SMAV
- Le diverse fasi della metodologia
- Il software VaSCO-smav
- Esempi di applicazione delle metodologia SMAV a edifici in c.a. e in muratura
- Validazione del modello SMAV con dati sperimentali di edifici coinvolti nella recente sequenza sismica dell’Italia centrale

Ore 13.00 Fine lavori
+ leggi tutto

06

Aprile

14:30 - 18:30 

8 crediti
8 ore

corso

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 15 Mar 2017 - 06 Apr 2017
Case history – lo stabilimento Pelma di Bassano Bresciano
Corso di aggiornamento in materia di prevenzione incendi, di cui all’art. 7 del D.M. 5/08/2011, finalizzati al mantenimento dell’iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell’Interno ex D. Lgs. 139/2006.

GIOVEDÌ 06 APRILE 2017 – Dalle ore 14.30 alle ore 18.30

Ore 14.00 Registrazione dei partecipanti
Ore 14.30 Introduzione a cura dell’Ing. Agatino Carrolo - Comandante del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco di Brescia
Le aziende RIR in provincia di Brescia e il nuovo D.Lgs. 105/2015

Dr. Pelucchi (General Manager Pelma SpA)
Presentazione dell’attività di Pelma Spa

Ing. Pagano
L’allegato L del D.Lgs. 105/2015: applicazione ad uno stabilimento Seveso
Notifica
Il CPI

Ing. Simoni
Dal campo allo stabilimento: scelte urbanistiche e progettuali – NOF e RDS – iter approvativi
I TOP event: rilasci di tossici, incendio
Le distanze di sicurezza in Pelma: modalità di scelta e modelli di simulazione incendio
Impianti antincendio in Pelma

Ore 18.15 Test
Ore 18.30 Fine lavori

MERCOLEDÌ 12 APRILE 2017 - Visita tecnica allo stabilimento Pelma (Via Giuseppe Mazzini, 25020 - Bassano Bresciano BS)
Ore 14.15 Ritrovo presso Pelma e registrazione dei partecipanti
Ore 14.30 Inizio visita
Depositi di sostanze tossiche e combustibili; linea di produzione; stoccaggio di maturazione; gruppi di pompaggio antincendio; impianti a schiuma; impianto sprinkler; EFC; impianto idranti.
Ore 18.30 Fine lavori

Nota: gli spostamenti da e per lo stabilimento Pelma sono da effettuarsi con mezzi propri.
+ leggi tutto

07

Aprile

09:30 - 12:30 

6 crediti
6 ore

seminario

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 15 Mar 2017 - 04 Apr 2017
Seminario di formazione sulla stampa 3d
PROGRAMMA

Ore 09.00 Registrazione dei partecipanti
Saluti – Arturo Donghi (CEO e co-fondatore di Sharebot)

Ore 09.30 – 12.30 PARTE 1 TEORICA:

Introduzione alla stampa 3D
- Le principali tecnologie (FFF, DLP, SLA, DLS) con campioni stampati in diverse tecnologie
- La stampa FFF
- I materiali (PLA, ABS, Nylon Carbon)

Principi base di modellazione per la stampa 3D
- Linee guida per la creazione di un oggetto da realizzare con la stampante

Ore 12.30 – 14.00 Pausa

Ore 14.00 – 17.00 PARTE 2 LABORATORIO PRATICO:

Scansione 3D e reverse engineering
- Tecniche di scansione 3D

Processi di slicing e stampa 3D
- Ottimizzazione modelli (Meshmixer)
- Riparare errori direttamente dalla mesh (Netfabb)
- Software di slicing (Slic3r, Cura, Simplify 3D)
- Software professionali
- I principali parametri dello slicing
- Slicing di oggetti complessi
- Le stampanti 3D FFF
- La stampa e i processi di post produzione

Ore 17.00 Fine lavori


NOTA IMPORTANTE: Nel pomeriggio è prevista una parte di laboratorio pratico, si consiglia ai partecipanti di munirsi di proprio pc portatile, con installato uno fra i seguenti software free: Slic3r; Cura Engine; Meshmixer Autodesk; Netfabb basic. Al termine del seminario verrà rilasciato ai discenti un attestato Sharebot Academy.
+ leggi tutto

11

Aprile

09:00 - 13:00 

32 crediti
32 ore

corso

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 06 Mar 2017 - 11 Apr 2017
Digital forensics & ethical hacking
PRESENTAZIONE: Lo scopo del corso è quello di fornire degli approfondimenti per chi ha una base di informatica forense e investigazione digitale, materia in continua trasformazione e divenire. Durante il corso i partecipanti potranno aggiornarsi su vari argomenti di informatica forense e potranno seguire dei laboratori pratici, impareranno tra l’altro a trovare files nascosti, a recuperare dati cancellati, a duplicare informazioni integre e non ripudiabili, anche attraverso l’utilizzo di vari tools hardware e software, ricerche osint, crittografia, tecniche di attacchi informatici, verranno anche trattati casi di studio reali. Il corso viene interamente svolto in un’aula informatica, con 15 workstation, è possibile portare il proprio laptop per fare test ed esercizi che man mano verranno proposti nei corso di alcuni interventi. Verrà consegnata ai partecipanti chiavina usb con distro Caine e Parrot Security. Il corso è aperto oltre che agli Ingegneri, a Forze dell’Ordine, CTU, Periti, Investigatori, Informatici, Consulenti, Studenti, Avvocati e Appassionati di Indagini Informatiche.
+ leggi tutto

11

Aprile

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

corso

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 09 Feb 2017 - 08 Apr 2017
Aggiornamento CSP- CSE: Il fascicolo dell'opera previsto dal D.Lgs 81/2008: approfondimenti sui contenuti dall'allegato XVI
ATTENZIONE: Nel corso del 2017 verranno organizzati corsi/seminari per un totale di almeno 40 ore, al fine di garantire ai professionisti la possibilità di conseguire l’aggiornamento del quinquennio. Nella presente locandina presentiamo i corsi/seminari previsti fra febbraio e maggio 2017.


Programma:
- Gli obblighi di predisposizione del fascicolo;
- Gli obblighi e le modalità di aggiornamento del fascicolo;
- L’articolazione e i contenuti del fascicolo;
- L’uso del fascicolo per le future attività sull'opera.




+ leggi tutto

19

Aprile

09:00 - 13:00 

4 crediti
4 ore

corso

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 17 Feb 2017 - 19 Apr 2017
AGGIORNAMENTO IN PREVENZIONE INCENDI Comprendere gli impianti di estinzione automatica: dalla scelta dell’estinguente al dimensionamento dell’impianto; un approccio operativo - MODULO IV
Corsi di aggiornamento in materia di prevenzione incendi, di cui all’art. 7 del D.M. 5/08/2011, finalizzati al mantenimento dell’iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell’Interno ex D. Lgs. 139/2006.

SINTESI CONTENUTI: La scelta di un impianto automatico di estinzione, associata al livello di prestazione IV del capitolo S.6 delle Norme Tecniche di Prevenzione Incendi o, più in generale, definita come misura compensativa/mitigativa del rischio d’incendio, pone tuttavia il progettista di fronte ad una serie di quesiti basilari: quali criteri adottare per individuare il miglior agente estinguente in relazione all’efficacia della protezione e alla sicurezza degli occupanti? Quali valutazioni vanno considerate nell’analisi comparativa di più soluzioni impiantistiche alternative? Come approcciare l’impiego di normative pubblicate da organismi internazionali (es. NFPA), imprescindibili per talune applicazioni? E come redigere correttamente la specifica dell’impianto? Come effettuare una progettazione preliminare che consenta un dimensionamento di massima di tali impianti? Come valutare la conformità di un impianto di estinzione automatica?
La risposta a tali domande verrà affrontata attraverso un percorso formativo suddiviso in quattro moduli della durata di 4 ore ciascuno, che sia basato su un approccio operativo ed esemplificativo al fine di offrire ai partecipanti strumenti concreti per affrontare la selezione oculata degli impianti di estinzione automatica, in coerenza con le soluzioni tecnologiche offerte dal mercato e ai più recenti dettami normativi di prodotto e di sistema. Segue programma dettagliato.


Modulo 4: Gli impianti di estinzione automatica a schiuma, water mist, a polvere e ad aerosol: dalla scelta al dimensionamento
Programma: Il quarto modulo del corso tratterà gli impianti di protezione attiva con estinguente a schiuma, ad acqua nebulizzata, ad aerosol condensato e a polvere, offrendo al professionista elementi operativi per individuare la scelta dell’impianto più efficace rispetto alla valutazione del rischio d’incendio e presentando, al contempo, esempi applicativi delle soluzioni tecnologiche disponibili, onde comprenderne benefici, limitazioni e vincoli normativi. Il corso sarà strutturato nelle seguenti sezioni: - - Gli impianti a schiuma (UNI EN 13565): impieghi tipici, caratteristiche degli impianti a bassa, media ed alta espansione. Esempi di dimensionamento;
- I sistemi a water mist (UNI CEN/TS 14972): la tecnologia ad acqua nebulizzata e i fire test protocols come fondamento per la progettazione degli impianti ad acqua nebulizzata.
- Gli impianti ad aerosol condensato (UNI ISO 15779): benefici degli impianti ad aerosol e limitazioni nell’impiego dei sistemi a saturazione totale. Applicazioni compatibili e calcoli dimensionali.
- Gli impianti a polvere (UNI EN 12416): criteri per la scelta degli impianti fissi automatici a polvere; il dimensionamento degli impianti a saturazione totale e ad applicazione locale.

+ leggi tutto

19

Aprile

14:00 - 18:00 

4 crediti
4 ore

seminario

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 09 Feb 2017 - 19 Apr 2017
Aggiornamento CSP/ CSE: Progettazione linee vita e reti anticaduta
ATTENZIONE: Nel corso del 2017 verranno organizzati corsi/seminari per un totale di almeno 40 ore, al fine di garantire ai professionisti la possibilità di conseguire l’aggiornamento del quinquennio. Nella presente locandina presentiamo i corsi/seminari previsti fra febbraio e maggio 2017.

E’ PREVISTA LA TRASMISSIONE DEL SEMINARIO IN DIRETTA STREAMING PRESSO LA SEDE DI DARFO B.T. (iscrizione separata)
+ leggi tutto

19

Aprile

14:00 - 18:00 

4 crediti
4 ore

seminario

Darfo Boario Terme - Ist. Olivelli Iscrizioni: 09 Feb 2017 - 19 Apr 2017
Aggiornamento CSP/ CSE: Progettazione linee vita e reti anticaduta -DIRETTA STREAMING DARFO
ATTENZIONE: Nel corso del 2017 verranno organizzati corsi/seminari per un totale di almeno 40 ore, al fine di garantire ai professionisti la possibilità di conseguire l’aggiornamento del quinquennio. Nella presente locandina presentiamo i corsi/seminari previsti fra febbraio e maggio 2017.
+ leggi tutto

20

Aprile

09:00 - 13:00 

4 crediti
4 ore

seminario

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 13 Mar 2017 - 16 Apr 2017
Software Cae/Cfd - un laboratorio virtuale a portata di mouse introduzione all’utilizzo di strumenti Cae e Cfd
PROGRAMMA

Ore 08.30 Registrazione dei partecipanti

Ore 09.00 Inizio lavori

PARTE 1 - CFD: introduzione e concetti generali

Definizione di CFD
? Accenni alle equazioni di Navier Stokes e alla numerica utilizzata
? Tipologia di software disponibili nel mercato
Modellazione solida finalizzata alla simulazione
? Reverse modelling
? Caratteristiche tipiche di un modello solido per la CFD
Tattiche di meshing
? Algoritmi di meshatura
? Controllo di qualità della mesh
? Refinement a parete
Solutori CFD e modellistica (turbolenza e combustione)
? Semplificazione della fisica
? Scelta del modello di turbolenza
? Principali boundary conditions

PARTE 2 - Esempi: turbomacchine e scambio termico

Simulazione di pompa idraulica
? Visione della geometria
? Simulazione di organi rotanti
? Impostazioni della simulazione
? Visione dei risultati
Simulazione di scambio termico
? Visione della geometria
? Simulazione di fluidi comprimibili
? Impostazione della simulazione
? Visione dei risultati
Domande finali
Ore 13.00 Fine lavori
+ leggi tutto

20

Aprile

15:00 - 18:00 

3 crediti
3 ore

seminario

la sede del'Ordine Iscrizioni: 22 Mar 2017 - 20 Apr 2017
Architettura costruzione città MODULO I- L’architettura italiana del dopoguerra
PRESENTAZIONE
Spesso, troppo spesso, architettura ed ingegneria, composizione e costruzione o “utilitas” “venustas” e “firmitas” hanno rappresentato due facce di una stessa medaglia, facce che per loro natura non hanno (se non in casi straordinari) incrociato il loro sguardo. Convinti che questo approccio sia quanto mai simbolo di un passato lontano e che il futuro non possa che imporre una necessaria collaborazione, integrazione e reciproca critica conoscenza, abbiamo pensato a questo ciclo di incontri con un preciso obbiettivo: quello di stimolare una riflessione critica sul manufatto architettonico come sintesi di un processo progettuale multidisciplinare dove il progettista diviene la figura centrale e determinante.
Il percorso proposto ha una sua coerenza là dove venisse svolto nella sua completezza, passando attraverso nozioni di storia dell’architettura (e la sua integrazione con l’ingegneria), di composizione architettonica (la sezione come strumento progettuale), di rigenerazione urbana (approccio progettuale al patrimonio edilizio di recente passato e non solo) ed infine a Brescia e al suo patrimonio architettonico del secondo dopoguerra (come inquadramento del campo d’azione dove molti
professionisti si trovano ad operare).

1° MODULO - L’architettura italiana del dopoguerra - La storia dell’architettura e la sua integrazione con l’ingegneria
DOCENTE: Arch. PhD. Alberto Soci

Il modulo ha come obiettivo il fornire delle conoscenze di carattere storico-tipologiche sul patrimonio architettonico/ingegneristico del dopoguerra in Italia. Saranno presentate opere di Bottoni, Gardella, Quaroni, E.N. Rogers, B.B.P.R., Samonà, Moretti, Libera, Mollino e Albini. In questi autori, oggi universalmente considerati Maestri dell’Architettura, vi è più che in altri una ricerca tecnico/costruttiva finalizzata all’espressione architettonica. Ognuno di questi autori, a sua volta, costruisce un personale rapporto con la città esistente attraverso una lettura che si fa via via sempre più intima e profonda. Anche in questo caso si evidenzieranno i caratteri dell’approccio alla città costruita e le risposte che sono state date.
Il modulo ha la finalità di fornire conoscenze e capacità critiche sulla valutazione del patrimonio architettonico/ingegneristico del dopoguerra. Riconoscere gli aspetti costruttivi quali elementi essenziali ed imprescindibili della composizione architettonica. Relazionare l’intero processo compositivo al rapporto con la città esistente attraverso lo studio di molteplici approcci progettuali.
+ leggi tutto

21

Aprile

09:00 - 13:00 

4 crediti
4 ore

corso

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 24 Nov 2016 - 21 Apr 2017
Direttiva ATEX-2 prodotti - 2014/34/UE esempio di applicazione di alcuni modi di protezione ad un apparecchio elettromeccanico e procedure di valutazione della conformità
PRESENTAZIONE
Il 29 Marzo 2014 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea la nuova direttiva per i prodotti destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva 2014/34/UE (ATEX-2), che andrà a sostituire completamente l'attuale direttiva 94/9/CE il 20 Aprile 2016. Lo scopo del corso è illustrare le differenze fra le due direttive, ma soprattutto definirne esattamente il campo di applicazione, gli obblighi dei fabbricanti e/o degli importatori a fronte di questa importante direttiva applicabile ad una grande varietà di prodotti e in una altrettanto grande varietà di ambienti con la presenza di rischi. Gli obiettivi principali sono la conoscenza del problema “pericolo di esplosione” e la consapevolezza che non è un fenomeno relativo ai luoghi di lavoro dove tale pericolo è noto (aziende del settore petrolchimico), per poi acquisire le informazioni necessarie alle procedure di valutazione di conformità per i prodotti destinati ad essere impiegati in detti luoghi.

PROGRAMMA

Ore 8.30 Registrazione dei partecipanti, presentazione e saluti
Ore 9.00 Inizio lavori
• Cenni sul fenomeno esplosione;
• Principi di sicurezza contro l’esplosione;
• Tecniche costruttive per evitare l’innesco: i modi di protezione delle Norme Armonizzate EN 60079 per le apparecchiature elettriche e relativi contrassegni;
• Tecniche costruttive per evitare l’innesco: i modi di protezione delle Norme Armonizzate EN 13463 per le apparecchiature non elettriche;
• Principali differenze tra nuova e vecchia direttiva ATEX
• Come le direttive comunitarie recepiscono i principi di sicurezza contro l’esplosione: Direttiva Atex 1999/92/CE (rischio di esposizione dei lavoratori alle atmosfere potenzialmente esplosive) e Direttiva 2014/34/UE (prodotti)
• Classificazione delle apparecchiature,
• Requisiti essenziali di sicurezza,
• Procedure di valutazione della conformità
• Documentazione tecnica e di prodotto,
• Marcatura.
Ore 13.00 Fine lavori
+ leggi tutto

27

Aprile

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

seminario

Aula magna di Ingegneria, via Branze 38 Iscrizioni: 23 Mar 2017 - 23 Apr 2017
COSTRUIRE SUL COSTRUITO Riqualificare il centro storico - La convivenza con la rigenerazione delle periferie
PROGRAMMA
14.00 Iscrizioni
14.30 Saluti ed introduzione
Stefania Buila – Ordine degli Architetti
Relazioni
Simona Tondelli – Università di Bologna
Riqualificazione, rigenerazione, riuso: nuovi strumenti e nuovi attori per il rinnovamento della città esistente
Michela Tiboni – Comune di Brescia
Progetto Oltre la strada
Tavola Rotonda
Giancarlo Provasi – Socialis
Tiziano Pavoni – Collegio dei Costruttori Edili
Marco Medeghini – Brescia Mobilità
Sergio Cavallari – Ordine degli Ingegneri
Fabrizio Franceschini – Commissione Urbanistica OAPPC di Brescia
Dibattito/Conclusioni
18.30 Fine lavori
+ leggi tutto

02

Maggio

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

seminario

Darfo Boario Terme - Ist. Olivelli Iscrizioni: 09 Feb 2017 - 01 Mag 2017
Aggiornamento CSP- CSE e agg. PREV. INCENDI: La valutazione del rischio d’incendio secondo D.M. 10/03/1998 - REPLICA SEMINARIO DEL 21 MARZO 2017 presso DARFO B.T.
ATTENZIONE: Il seminario consente il riconoscimento sia delle ore di aggiornamento CSP/CSE, sia delle ore di aggiornamento in prevenzione incendi. Si sottolinea che le nozioni saranno di livello base, tarate per chi opera in cantiere ed ha limitate competenze di prevenzione incendi.

Programma:
- Rudimenti base di fisica e chimica dell’incendio;
- Il ruolo del comburente nelle combustioni;
- Comportamenti dei solidi dei liquidi e dei gas;
- Nozioni base sulle esplosioni di polveri, liquidi infiammabili e gas;
- Fumi: loro pericolosità e composizione, ivi compreso il ruolo dei gas tossici;
- Classi dei fuochi;
- Sostanze estinguenti;
- Misure di prevenzione;
- Misure di protezione attiva e passiva;
- Applicazione delle nozioni generali alla problematica di cantiere finalizzata ad un’adeguata valutazione del rischio e conseguente individuazione delle misure di sicurezza da adottare.


+ leggi tutto

03

Maggio

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

corso

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 09 Feb 2017 - 03 Mag 2017
Aggiornamento CSP/ CSE: Posa della segnaletica stradale
ATTENZIONE: Nel corso del 2017 verranno organizzati corsi/seminari per un totale di almeno 40 ore, al fine di garantire ai professionisti la possibilità di conseguire l’aggiornamento del quinquennio. Nella presente locandina presentiamo i corsi/seminari previsti fra febbraio e maggio 2017.

Programma:
- Le relazioni tra Codice della Strada e cosiddetto Testo Unico per la sicurezza
- I regolamenti del Codice della Strada
- I decreti del Testo Unico
- Il ruolo del committente
- Il ruolo del proprietario o gestore della strada
- Il ruolo delle imprese esecutrici
- Il decreto ministeriale sul segnalamento temporaneo stradale
- Il decreto interministeriale sulla apposizione della segnaletica
- La sicurezza del lavoro e la sicurezza degli utenti della strada
- Il rischio di investimento durante i lavori in strada
- Delimitazione dei cantieri in strada
- Sistemi di segnalamento temporaneo stradale
- Situazioni di emergenza.
+ leggi tutto

04

Maggio

15:00 - 18:00 

3 crediti
3 ore

seminario

la sede del'Ordine Iscrizioni: 22 Mar 2017 - 04 Mag 2017
Architettura costruzione città MODULO II - La composizione architettonica e la sezione come strumento progettuale
PRESENTAZIONE
Spesso, troppo spesso, architettura ed ingegneria, composizione e costruzione o “utilitas” “venustas” e “firmitas” hanno rappresentato due facce di una stessa medaglia, facce che per loro natura non hanno (se non in casi straordinari) incrociato il loro sguardo. Convinti che questo approccio sia quanto mai simbolo di un passato lontano e che il futuro non possa che imporre una necessaria collaborazione, integrazione e reciproca critica conoscenza, abbiamo pensato a questo ciclo di incontri con un preciso obbiettivo: quello di stimolare una riflessione critica sul manufatto architettonico come sintesi di un processo progettuale multidisciplinare dove il progettista diviene la figura centrale e determinante.
Il percorso proposto ha una sua coerenza là dove venisse svolto nella sua completezza, passando attraverso nozioni di storia dell’architettura (e la sua integrazione con l’ingegneria), di composizione architettonica (la sezione come strumento progettuale), di rigenerazione urbana (approccio progettuale al patrimonio edilizio di recente passato e non solo) ed infine a Brescia e al suo patrimonio architettonico del secondo dopoguerra (come inquadramento del campo d’azione dove molti
professionisti si trovano ad operare).

2° MODULO - La composizione architettonica e la sezione come strumento progettuale
DOCENTE: Arch. PhD. Alberto Soci

La struttura della comunicazione del modulo ha come obiettivo il fornire delle conoscenze sui caratteri dell’architettura, nelle sue molteplici declinazioni che concorrono a definire il progetto. Il progetto architettonico non solo come insieme di elementi costruttivo/tecnologici, ma come espressione di multidisciplinarietà. L’architettura raccontata attraverso la sua lettura più intima, quella delle sezioni verticali e orizzontali (le piante), ci permette di comprender quale schema strutturale, quale distribuzione tipologica, quale relazione con la luce, il luogo e la città. “Sezione e struttura”, “Sezione luce e carattere”, “Sezione e gerarchia”, “Sezione e Compattezza”, “Sezione e controllo”, “Sezione e comportamenti”, “Sezione e Verticalità”, “Sezione e città”, “Sezione e stratificazione urbana” e “Sezione e topografia” sono gli aspetti che saranno oggetto di approfondimento.
Il modulo ha la finalità di fornire conoscenze e capacità critiche nell’approccio progettuale al manufatto architettonico. Ogni scelta del progettista, sia esso ingegnere o architetto deve essere frutto di un percorso ragionato atto alla definizione di valutazioni che caratterizzano l’opera nella sua funzione. Fornire consapevolezza sui molteplici approcci progettuali che mirano a favorire aspetti diversi del processo progettuale. Relazionare l’intero processo compositivo al rapporto con la città esistente attraverso lo studio di molteplici approcci progettuali.

+ leggi tutto